domenica, Novembre 28, 2021
Home Senza categoria Malattie comuni del castagno | Sentiero del giardiniere

Malattie comuni del castagno | Sentiero del giardiniere

Le castagne sono alberi bellissimi, che forniscono ombra e interesse per più stagioni, nonché noci commestibili e legno di alta qualità. Possono essere produttivi per decenni e in genere raggiungono altezze impressionanti.

Sfortunatamente, come la maggior parte delle piante, sono suscettibili a una serie di malattie. Ed è importante notare che alcune specie possono essere colpite più facilmente di altre.

Anche coloro che non hanno mai coltivato le proprie castagne prima hanno probabilmente familiarità con la famigerata peronospora che ha spazzato via la specie americana negli Stati Uniti, anche se potresti non aver sentito parlare di un’altra grave epidemia diffusa che ha gravemente colpito la stessa specie secoli prima.

Ci colleghiamo ai fornitori per aiutarti a trovare prodotti pertinenti. Se acquisti da uno dei nostri link, potremmo guadagnare una commissione.

Come giardiniere domestico, è importante sapere a cosa prestare attenzione e cosa puoi fare per proteggere i tuoi alberi, eliminare le infezioni e prevenire un’ulteriore diffusione. Tratteremo tutto questo e altro ancora.

Ecco cosa ci aspetta:

1. Antracnosi

Una malattia comune nelle querce e in altre varietà di latifoglie decidue, anche le castagne possono essere colpite dall’antracnosi.

I sintomi dell’infezione includono macchie secche, marroni e irregolari sulle foglie, fogliame arricciato e defogliazione. Può anche verificarsi il deperimento dei ramoscelli e le gemme possono morire all’inizio della stagione, mostrando sintomi che ricordano i danni da gelo.

Piccole strutture fungine simili a brufoli possono essere visibili anche sulla parte inferiore del fogliame colpito, se vuoi estrarre la lente d’ingrandimento.

Causate dai funghi Apiognomonia quercina, le spore possono essere diffuse dal vento e dagli spruzzi d’acqua in primavera, infettando la nuova crescita. Le infezioni sono solitamente le più gravi sui rami inferiori e più interni.

Periodi prolungati di tempo piovoso sono favorevoli alla diffusione di questa malattia e, naturalmente, il tempo piovoso è comune in molte regioni in primavera.

Ma il fattore più importante è in realtà la temperatura. L’antracnosi tende ad essere il più grave quando le temperature sono comprese tra 50 e 55 ° F e meno gravi a temperature di 60 ° F e oltre.

Le nuove foglie possono ricrescere più avanti nella stagione, mentre gli alberi gravemente colpiti potrebbero non riprendersi, in particolare se un’infezione primaverile è seguita da un periodo di siccità o altri fattori di stress.

Questo fungo può svernare nei cancri sui rami e nelle foglie cadute. Assicurati di completare un’accurata pulizia del giardino per rimuovere tutta la materia vegetale interessata che è caduta, potare e bruciare o smaltire in altro modo rami e ramoscelli morti per evitare un’ulteriore diffusione.

I fungicidi possono essere applicati al germogliamento, ma questo non è generalmente raccomandato per i giardinieri domestici.

2. Peronospora delle castagne

La specie americana (Castanea dentata) è molto suscettibile alla peronospora del castagno, e anche le castagne europee (C. sativa) e i loro ibridi sono sensibili, sebbene l’importazione di questi alberi negli Stati Uniti sia rara in questi giorni. Alcune varietà di quercia sono anche suscettibili alle infezioni.

Sfortunatamente non esiste un trattamento disponibile per la peronospora, una malattia fungina causata da Cryphonectria parasitica. Entra negli alberi attraverso ferite, spesso quelle fatte da insetti, e l’infezione si sviluppa sotto la corteccia.

Foto di Ignazio Graziosi, Università del Kentucky, Bugwood.org, via CC BY-NC.

Questa malattia è stata responsabile dell’eliminazione delle castagne americane negli Stati Uniti nella prima metà del XX secolo.

Gli alberi infetti mostrano cancri, che a volte possono essere confusi con segni di scottatura solare. Conosciuta anche come malattia della corteccia di castagno, i rami infetti si avvolgono di cancri e muoiono rapidamente.

Gli arti colpiti devono essere rimossi e distrutti, per prevenire un’ulteriore diffusione.

Le foglie morte si attaccheranno agli alberi infetti piuttosto che cadere in autunno e i corpi fruttiferi fungini marrone-giallastri possono essere visibili intorno ai cancri e alle crepe nella corteccia.

I cancri sono più evidenti sugli alberi più giovani, mentre possono rimanere nascosti sotto la corteccia per qualche tempo negli esemplari maturi.

Sebbene gli alberi uccisi da questa malattia a volte inviino polloni con una crescita apparentemente sana se le radici sopravvivono, anche questi alla fine soccomberanno.

Il fungo può svernare nella corteccia e le spore possono disperdersi nell’aria, diffondendosi facilmente in nuove aree.

Storicamente più diffuso nella parte orientale del paese, i coltivatori dell’ovest una volta piantavano castagne europee senza troppe preoccupazioni, sebbene questa malattia sia considerata diffusa oggi negli Stati Uniti.

La scelta di varietà resistenti alla peronospora è consigliata per i coltivatori domestici. Le castagne cinesi (C. mollissima) così come gli ibridi cinesi-americani mostrano una buona resistenza, e anche le varietà giapponesi (C. crenata) mostrano una certa resistenza. Assicurati di acquistare alberi da coltivatori rispettabili certificati esenti da malattie.

3. Rotazione delle noci

Secondo quanto riferito, causate da diverse specie di funghi tra cui Sclerotinia pseudotuberosa, Phomopsis castanea, Gnomoniopsis smithogilvyi e Diaporthe castaneti, le infezioni da marciume delle noci sono più importanti in Europa, Australia e Nuova Zelanda.

Una malattia delle noci raccolte piuttosto che degli alberi stessi, il marciume può causare significative perdite di raccolto.

Mentre le noci sgusciate possono sembrare sane, i chicchi all’interno hanno una storia diversa da raccontare, apparendo scoloriti, macchiati o maculati e morbidi, ammuffiti o marci. In caso di infezione grave, anche le conchiglie possono mostrare segni di muffa e marciume.

Mostrando sintomi simili ma non causati da un agente patogeno, quando gli ibridi europeo-giapponesi vengono impollinati da specie cinesi, possono mostrare una rottura interna del nocciolo, un disturbo fisiologico che causa il decadimento delle noci.

La raccolta frequente è importante per prevenire l’inizio della putrefazione delle noci e la conservazione a freddo delle noci raccolte può aiutare a prevenire o ritardare l’insorgenza.

Le spore fungine possono sopravvivere per diversi anni nelle bucce delle noci (dette anche bave), quindi occorre prestare attenzione a rimuovere le noci non raccolte e le bave scartate dal frutteto o dal giardino per evitare un’ulteriore diffusione.

Smaltire le sbavature infette da funghi nella spazzatura o bruciarle se ciò è consentito nella tua zona. Non mettere materiale vegetale che contiene agenti patogeni sul cumulo di compost.

4. Radice di Phytophthora Rot

Definita anche malattia dell’inchiostro, la putrefazione delle radici è causata dalle muffe dell’acqua di Phytophthora.

Particolarmente prevalenti negli alberi piantati in terreni non ben drenanti, con esordio tipicamente all’inizio della primavera, i patogeni della malattia possono essere veicolati anche su piante acquistate dai vivai.

P. cinnamomi può causare infezioni da marciume nelle castagne negli Stati Uniti.

Questa specie è stata introdotta su piante portate dai coloni dall’Europa nel 1700 e si pensa che abbia castagne americane sradicate dalle foreste di bassa quota nel sud-est molto prima dell’introduzione della peronospora.

Da quel momento, la sua gamma si è ampliata.

Foto di Ignazio Graziosi, Università del Kentucky, Bugwood.org, via CC BY-NC.

Le infezioni da P. cambivora dei castagni europei e di altri tipi di alberi di latifoglie sono prevalenti in tutta Europa.

P. cambivora può anche causare infezioni da marciume nelle castagne americane e giapponesi ed è stato notato come la causa della malattia da marciume negli Stati Uniti e in Asia.

Sebbene l’infezione sia centrata alle radici e alla base degli alberi, le castagne infette mostreranno segni di appassimento e i rami moriranno. Gli alberi possono soccombere rapidamente e spesso muoiono.

Staccare la corteccia di un albero infetto rivelerebbe tessuto necrotico nero o marrone. I coltivatori si riferiscono a questo come la “fiamma” perché sembra che i loro alberi siano stati bruciati.

Poiché gli oomiceti possono rimanere nel terreno per diversi anni, non ripiantare le castagne nello stesso luogo se si soccombe al marciume radicale. Le castagne cinesi sono resistenti a questo patogeno, ma non immuni.

5. Morte Improvvisa della Quercia

Un’altra malattia devastante causata dalle muffe acquatiche di Phytophthora, la morte improvvisa della quercia colpisce le querce e i loro parenti, oltre a una varietà di altri tipi di alberi e piante di sottobosco tra cui rododendri e camelie.

È stato segnalato che un’infezione allora non identificata stava affliggendo alberi nella contea di Marin, in California, nel 1995, e infezioni mortali di morte improvvisa della quercia sono state notate e identificate per la prima volta nelle foreste dell’Oregon nel 2001.

Da allora, sono stati trovati animali da allevamento infetti in almeno 25 stati degli Stati Uniti.

Foto di Joseph OBrien, Servizio forestale USDA, Bugwood.org, tramite CC BY-SA.

Conosciuto anche come malattia di Ramorum. P. ramorum predilige condizioni umide. Le temperature superiori a 80 o inferiori a 59 ° F rallentano la sua crescita, ma le temperature primaverili negli anni ’60 superiori di solito colpiscono proprio lì nel punto debole di questo organismo simile a un fungo.

I cancri sulla corteccia degli alberi infetti spesso trasudano un liquido nero o rossastro, le foglie mostrano macchie e i ramoscelli muoiono. Se sospetti che i tuoi alberi siano infetti, contatta il tuo specialista di estensione agricola locale.

Questa malattia può spesso essere confusa con disturbi causati da altri agenti patogeni.

Le muffe d’acqua possono diffondersi attraverso il terreno infetto e il vento o la pioggia. Non ripiantare alberi o arbusti sensibili nello stesso luogo in cui un’altra pianta ha ceduto a questa malattia.

Le castagne sono messe in quarantena dall’USDA per prevenire un’ulteriore diffusione di questo patogeno e le consegne di piantine e alberelli da vivai al di fuori del tuo stato potrebbero non essere disponibili in alcune aree.

Assicurati di seguire tutte le norme di quarantena attive nella tua regione per prevenire la potenziale diffusione.

Stai attento a mantenere le castagne sane

Per prevenire le malattie nel tuo frutteto, è importante seguire le corrette pratiche di cura e prestare attenzione ai segni di un problema.

Assicurati che siano piantati in un terreno con un buon drenaggio e pota per migliorare il flusso d’aria e consentire alla luce solare di penetrare nella chioma.

Se stai piantando castagne per la prima volta o ne stai acquistando altre da aggiungere al tuo frutteto, cerca varietà resistenti alle malattie e affida la tua attività a vivai che garantiscono semi e alberelli privi di malattie.

La diffusione di molti agenti patogeni è particolarmente comune quando le condizioni sono piovose e fresche in primavera, e a volte è possibile stroncare un’infezione sul nascere tramite potature o un’accurata pulizia del giardino alla fine della stagione.

È triste ma vero che il castagno americano è stato spazzato via più di una volta negli Stati Uniti grazie alla malattia, anche se gli orticoltori stanno facendo sforzi per salvare questo nobile albero e sono in corso sforzi di sviluppo per produrre nuovi ibridi e cultivar che producono raccolti gustosi pur resistendo malattia. Grazie in gran parte a questi sforzi, oggi puoi coltivare le tue castagne in casa!

Hai incontrato malattie nel tuo frutteto? Hai storie o domande da condividere? Ci piace sentirti! Per favore pubblica i tuoi messaggi e condividi le foto nei commenti qui sotto.

E per ulteriori informazioni su come coltivare la propria alberi di noce a casa, leggi queste guide dopo:

© Chiedi agli esperti, LLC. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Consulta i nostri TOS per maggiori dettagli. Foto non accreditate: Shutterstock. Significativamente rivisto e ampliato da una versione originale scritta da Natasha Foote.

Informazioni su Allison Sidhu

Allison M. Sidhu è cresciuta con le mani nella terra nel sud-est della Pennsylvania ed è tornata a Filadelfia dopo un soggiorno di sette anni nella soleggiata Los Angeles. Ha conseguito una laurea in letteratura inglese presso lo Swarthmore College e un master in gastronomia presso la Boston University. Quando non è in cucina a preparare torte e sottaceti o a preparare qualcosa di gustoso per cena, Allison si diverte a consultare gli ultimi cataloghi di semi, curare il suo giardino e le piante d’appartamento, identificare la flora selvatica e gli esemplari negli arboreti locali e leggere le ultime novità in fatto di cibo e politica agricola.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI