mercoledì, Ottobre 5, 2022
HomeLifestyleViaggiVai a Marsiglia? Ecco 20 cose da sapere prima di partire

Vai a Marsiglia? Ecco 20 cose da sapere prima di partire

Dalla caccia alla pizza all'ordinazione di pastis, una guida intelligente alla seconda città più grande della Francia.

Dalla sua fondazione nel 600 a.C., quando, secondo la leggenda, un marinaio di Focene sposò una ragazza gallica locale, il cui padre diede loro Marsiglia come regalo di nozze, il porto della città ha plasmato la sua demografia. Marinai corsi nel 1500, costruttori italiani dalla metà del XVIII secolo, armeni in fuga dal genocidio dal 1915 in poi, algerini che arrivano dopo l'indipendenza del 1962 e molti altri si sono stabiliti qui.

Marsiglia combina spavalderia da grande città e socialità da villaggio di pescatori. È una città che la gente del posto ama o ama odiare e che gli estranei spesso evitavano per la sua reputazione di criminalità. Ma negli ultimi anni, la seconda città più grande della Francia (per popolazione) ha attirato i parigini in cerca di più sole e meno trambusto e i viaggiatori che cercavano la Francia meridionale oltre la scintillante Costa Azzurra. Sì, la gentrificazione è arrivata anche qui, ma per fortuna non ha cancellato lo spirito che rende questa città portuale così intrigante. Marsiglia non è fatta di monumenti monumentali, ma di cose semplici: terrazze all'aperto, arte di strada, aperitivi improvvisati in uno dei suoi tanti piccoli porti con i piedi penzoloni nell'acqua.

Una volta arrivato, sali la grande scalinata della Gare St. Charles, fiancheggiata da statue che raccontano la storia della migrazione di Marsiglia. Capirai perché il regista locale Robert Guédiguian una volta disse: "Marsiglia non è la Francia. Marsiglia non è la Provenza. Marsiglia è il mondo. "

Controlla il meteo. Qui, il simbolo del vento sulla tua app meteo è più che un gioco da ragazzi. È un avvertimento per il leggendario maestrale che soffia forte da nord. Con velocità fino a 65 mph, si raffredda fino alle ossa in inverno e solleva la polvere in estate. Tra i lati positivi, il maestrale è l'aspirapolvere di Madre Natura: sulla sua scia compaiono cieli limpidi. Nonostante il vento, Marsiglia ha vinto il jackpot del tempo: 300 giorni di sole all'anno e inverni temperati che oscillano negli anni '50 e '60. Nevica raramente, anche se a novembre e febbraio-marzo arrivano gli acquazzoni. A meno che non ti ostini a prendere solo il sole, puoi goderti la città tutto l'anno. Tieni presente che alcuni ristoranti e negozi chiudono durante le vacanze invernali, o a gennaio se sono rimasti aperti, e ad agosto, quando la gente del posto sfugge ai giorni di sudore, più di 90 gradi in montagna.

Avventurati oltre il Vieux Port. Sebbene sia la seconda città più popolosa della Francia, Marsiglia si estende per il doppio della superficie di Parigi: da 93 miglia quadrate a 41 miglia quadrate di Parigi. Questa espansione urbana è divisa in quartieri, ognuno con la propria personalità, che fanno sembrare la città di 860.000 persone come la descrivono i 111 villaggi locali. Quindi non rimanere bloccato nel centro della città di Vieux Port. Trascorri del tempo nel bobo in collina ("bohémien borghese ") Enclave di Vauban, la calma hausmanniana di Longchamp, il promettente Chave e la vivace scena dei bar di Cours Julien. Orientati al Vieux Port, quindi inizia ad esplorare.

La facciata di un palazzo storico nel quartiere Vauban. Foto di: Zyankarlo / Shutterstock.com

Metti in valigia buone scarpe da passeggio. Ti serviranno per percorrere i marciapiedi traballanti, le colline sparse e le scale che bruciano le cosce in tutta la città. Il modo migliore per vivere Marsiglia è come un flâneur: vagare per le sue strade tortuose, osservare la gente ed essere bombardato dal ronzio incessante degli scooter.

Una scala sulla Montée des Accoules nel 2 ° arrondissement di Marsiglia. Foto di: Kurlin Arts / Shutterstock.com

Scegli il tuo mezzo di trasporto. Esiste un sistema di trasporto pubblico decente: un'ampia rete di autobus, oltre a linee della metropolitana e del tram che fanno il giro del centro città fino alle 12:30. a.m. Tieni presente che gli autobus tendono a girare in ritardo (puoi ricevere aggiornamenti in tempo reale sull'app RTM) e non si avventurano lontano nel 12 ° -16 ° arrondissement esterno. Per arrivare in spiaggia, prendete l'autobus 83, provate il sistema di bike-share leVélo, provate le nuove trottinette (scooter elettrici) Lime o, il set di ruote locale preferito, uno scooter. Se hai bisogno di un taxi, opta per Uber o Heetch francese sui taxi, che sono spesso più costosi e richiedono contanti, poiché i loro distributori di carte di credito tendono a rompersi.

Ringrazia la Buona Madre. Il monumento più visitato e il punto più alto di Marsiglia, la basilica romano-bizantina di Notre-Dame de la Garde, è sormontata da un faro alto 36 piedi visibile da tutta la città: una statua dorata di Madonna con Bambino. È conosciuta come "la Bonne Mère", ("la buona madre") per il suo ruolo non ufficiale di guardiana della città. La gente del posto porta offerte, ex voto, per ringraziarla della sua protezione. La Bonne Mère offre viste a 360 gradi, quindi visita presto il tuo viaggio per conoscere la conformazione del terreno, ma cerca di evitare il moto ondoso turistico del fine settimana.

Notre Dame de la Garde, il monumento più visitato di Marsiglia. Foto di: Zyankarlo / Shutterstock

Ordinare un pastis nel modo giusto. La prima regola quando si ordina un pastis: chiedetelo sempre per nome. Chiedere solo una pastaga (lo slang locale per pastis) è come grugnire "birra" al barista. I due marchi più comuni dell'amato liquore aromatizzato all'anice sono Ricard, dal nome della prima azienda di pastis di Marsiglia (1932) e il 51 leggermente più anice. Questo è un po 'confuso, perché 51 è lo stesso marchio di Ricard, da quando si sono fusi con Pernod, il creatore di 51, nel 1975. Il tuo bar potrebbe anche versare Casa (alias Casanis) o Cristal Limañana distillato localmente. Il tuo petit jaune arriverà con una brocca di acqua fredda e talvolta ghiaccio. Aggiungere l'acqua fino a quando il liquido dorato scuro diventa un giallo pallido nuvoloso; il dosaggio usuale è di cinque parti di acqua per una parte di pastis. Il pastis ha circa il 45 percento di alcol, quindi fai attenzione a non sorseggiare troppo velocemente. Sentiti libero, tuttavia, di concederti un secondo bicchiere.

Chiedete sempre un pastis per nome. Foto di: Massimo-Santi / Shutterstock.com

Prova una pizza al classico Chez Sauveur di 65 anni. Foto di: Majid B./Yelp.com

Vai a caccia di pizza. Il vero piatto marsigliese non è pescato, ma cotto a legna. La pizza è stata parte integrante della dieta locale da quando gli immigrati napoletani arrivarono in città all'inizio del XX secolo, e la città fu il sito del primo camioncino della pizza in Francia (circa 1962). In questa città marinara, la classica pizza arriva con le acciughe. Oppure chiedi un moit-moit: metà acciuga e metà formaggio – di solito Emmental – o un'armena di carne macinata e cipolla, segno della notevole comunità armena della città. Ordina il tuo al classico Chez Sauveur di 65 anni, o La Bonne Mère, famosi per la loro crosta, che fanno lievitare (lasciano lievitare) per 48 ore. Per il cibo di strada, lascia che la famosa Charly Pizza ti tagli una parte (fetta) o colpisci uno dei camion di cibo intorno allo stadio o fuori dalle fermate della metropolitana.

Il mercato del pesce nel Vieux Port di Marsiglia. Foto di: Elena Pominova / Shutterstock.com

Passa la bouillabaisse. La famosa zuppa di pesce di Marsiglia ha preso il sopravvento. Il marketing aggressivo ha fatto salire il suo costo a 60-100 euro (68-113 dollari). Il prezzo elevato contraddice le sue radici come un umile stufato di pesce avanzato ed è antitetico all'ethos popolare (della classe operaia) della città. La gente del posto raramente mangia o cucina la bouillabaisse – la versione tradizionale richiede più di un giorno – tranne che per le occasioni speciali. Quello che mangiano dal mare sono sarde alla griglia, ricci crudi rosso ruggine e ostriche salate e molti tipi di calamari serviti alla provenzale, saltati con aglio, prezzemolo e generose gocce di olio d'oliva. Il pescato più fresco si trova a La Boîte à Sardine, che rifornisce ogni mattina piccoli pescatori. E se insisti a ordinare la bouillabaisse, ti consiglio di farlo da Chez Michel, che utilizza pesce fresco (presentato in anticipo) e dove costa una media di 75 euro.

Cenate a Noailles. Leblebi tunisini da Chez Yassine, panini pita libanesi da Le Cèdre, sacchi di iuta di spezie da Saladin e bradj algerini ripieni di datteri allo stand di cibo di strada di fronte a Saladin. Polli rosticceria e paella fumante profumano le strade, in particolare lungo rue d'Aubagne e rue du Longue des Capucins. Procurati delle provviste per un picnic o per mangiare mentre vaghi tra la folla.

1. Mercato di frutta e verdura in rue Halle Delacroix, nel cuore di Noailles. Foto di: Olrat / Shuttertock.com. 2. Pesce fresco al mercato di Noailles. Foto di: ChameleonsEye / Shutterstock.com

Fai acquisti come se fosse il 1827. Il negozio di ferramenta più antico della Francia, Maison Empereur, ha due secoli di beni del patrimonio che fuoriescono dai suoi scaffali. Pensa ai coltelli Opinel, alle giacche di cotone blu Laboureur e alle palle di bocce La Boule Bleu. La caverne d'Ali Baba si è riempita di clienti da quando il proprietario della settima generazione, Laurence Renaux, ha raggiunto l'incredibile cifra di 50.000 articoli. Ma vedrai ancora falegnami vestiti di abiti da lavoro che raccolgono i cardini delle porte nella quincaillerie, il negozio di ferramenta. Continua il tuo shopping sfrenato dietro l'angolo da Père Blaize, l'erborista che cura i marsigliesi con tè e tinture dal 1815.

Passeggia per Fort Saint-Jean … A prima vista, questa fortezza del XVII secolo sembra proteggere Marsiglia, fiancheggiando il bordo del Vieux Port accanto a Fort Saint-Nicolas. Guarda da vicino. I canoni puntano verso, non lontano, dalla città, in modo che Luigi XIV potesse proteggere il suo regime dalle rivolte locali, una delle tante tacche sulla linea temporale di Marsiglia (vedi: Resistenza della seconda guerra mondiale) che incarna lo spirito ribelle della città. Il forte era una volta l'ultima tappa per le reclute della Legione Straniera francese in viaggio verso l'addestramento di base in Algeria. Ora, Fort Saint-Jean invita i visitatori a passeggiare attraverso le sue passerelle ad arco, salire su una gigantesca torre turrita e passeggiare per il Jardin des Migrations. In questo giardino allegorico di 100.000 piedi quadrati, ogni pianta rappresenta la storia agricola, industriale e religiosa di Marsiglia, come le piante di canapa di cannabis sativa utilizzate per la fabbricazione di corde nautiche, e da cui ha preso il nome la via principale della città, la Canebière.

… poi approfondire l'architettura araba. Rispetto agli antichi muri in pietra del forte, il cubo di cemento dalle intricate ragnatele, il Mucem (Museo delle civiltà europee e mediterranee) appare futuristico. Eppure Rudy Ricciotti, architetto provenzale di origine algerina, è stato fortemente influenzato dall'antico design arabo. Le passerelle terrazzate ricordano uno ziggurat mesopotamico. Il reticolo esterno evoca una mashrabiya, il cui design ornamentale funge sia da schermo che da filtro per far entrare la luce. Per una visuale migliore, avvicinati a Mucem dallo scarno ponte pedonale di Fort Saint-Jean. Arriverete alla terrazza panoramica che dispone di sedie a sdraio per una breve pausa. Pianifica la tua visita nel pomeriggio o all'ora d'oro, quando la luce del sole screziata è più abbagliante. Nota: è gratuito visitare l'esterno di Mucem: il biglietto d'ingresso è per le mostre.

1. Il forte Saint-Jean del XVII secolo, all'ingresso del vecchio porto di Marsiglia. Foto di: John Copland / Shutterstock.com 2. Attraverso un ponte pedonale da Fort Saint-Jean, il Museo delle civiltà europee e mediterranee è il primo museo nazionale situato fuori Parigi. Foto di: Alastair Wallace / Shutterstock.com

Vai in spiaggia. Le spiagge lungo le 42 miglia di costa di Marsiglia sono diverse, dalle insenature rocciose alle distese sabbiose. Appena sotto l'elegante hotel Petit Nice, i massi piatti dell'Anse de la Fausse Monnaie sono l'ideale per fare la crêpe (friggere al sole) e guardare i tuffatori catapultati dalla Corniche Kennedy. Appena a nord, trova la baia curva di Anse de Maldormé, una spiaggia di ciottoli perfetta per un tuffo veloce. A soli 15 minuti a piedi dal Vieux Port, la Plage des Catalans è la più vicina alla città, il che significa che sarai pieno come sardine sulla spiaggia sabbiosa. Prepara un picnic a base di rosé, patatine, olive e salumi per ammirare i tramonti del Mediterraneo. Evita di nuotare il giorno dopo le forti piogge, quando le fogne traboccanti convogliano l'inquinamento nel mare.

Persone che prendono il sole e nuotano sulla spiaggia del Profeta sulla Corniche Kennedy. Foto di: Olrat / Shutterstock.com

Fatti strofinare. Visita un hammam tradizionale: bagni turchi rilassanti e socievoli. Mi piacciono Hammam Rafik e Hammam Djerba a Noailles. I principianti dovrebbero prenotare un gommage esfoliante. È una faccenda forte – pensa alla carta vetrata che leviga il legno grezzo – ma come dice il mio scrubber, "mantenere la tua bellezza può far male". Puoi anche farlo da solo, raccogliendo provviste – sapone nero oleoso e un guanto per strofinare – a Jiji de Palme d'Or. Tieni presente che gli orari degli uomini e delle donne negli hammam sono separati, con le donne che vanno spesso durante il giorno.

Goditi l'ora o le ore dell'aperitivo. L'apéro è parte integrante della vita quotidiana di Marsiglia. Come l'happy hour, l'aperitivo avviene dopo il lavoro o prima del tramonto, ma spesso si riversa nella notte. Da sorseggiare, naturalmente, c'è il rosato. È, sorprendentemente, del tutto accettabile aggiungere uno o due cubetti di ghiaccio per raffreddare o diluire una bottiglia di plonk. C'è sempre il cibo coinvolto – dopo tutto sei in Francia – che si tratti di un semplice piatto di olive o di una diffusione completa di panisses (frittelle di ceci locali), salumi e crostini spalmati di tapenade. Appollaiati sul mare a Le Bistro Plage, ammira il panorama del tramonto al Café de l'Abbaye, assaggia snack gratuiti al kitsch nautico La Caravelle o porta il tuo aperitivo al Vallon des Auffes per una versione con i piedi nell'acqua. Apéro non è solo per l'estate: i caffè all'aperto di Marsiglia sono pieni anche d'inverno.

Il Bar des 13 Coines nel quartiere Le Panier di Marsiglia. Foto di: Petr Kovalenkov / Shutterstock.com

Radice per la squadra di casa. A Marsiglia, "om" non è un ronzio meditativo ma un urlo chiassoso, urlato durante le partite e etichettato sui muri della città. L'OM sta per l'Olympique de Marseille, la squadra di calcio venerata qui. Anche il presidente Emmanuel Macron è un fan. Adorate l'OM insieme a 66.000 fan nell'Orange Vélodrome simile a un'astronave da agosto a maggio. Prova a segnare un posto dietro le porte e oltre agli ultras, i fanatici club dei tifosi, che trascorrono l'intera partita in piedi sui loro posti cantando per (qui ne saut pas n'est pas marseillais – se non salti non sei ". t Marseillais) e contro i giocatori (mouille le maillot ou casse-toi — ammollo la maglia o vaffanculo). Non riesci ad arrivare a una partita? Entra nei fan bar Le Fair Play o Bar de la Plaine. Ottieni punti extra con la gente del posto se indossi il celeste.

Veduta di Marsiglia da Notre Dame de la Garde, con lo Stade Vélodrome sullo sfondo. Foto di: Philippe Paternolli

Dirigiti verso i tetti. Le feste sul tetto sono grandi qui. Trova il più grande sulla terrazza panoramica di 86.000 piedi quadrati di Friche Belle de Mai. Questa ex fabbrica di tabacco ha un cinema all'aperto e feste da ballo guidate da DJ. Se hai voglia di qualcosa di più sobrio, il bar dell'Hotel Hermes offre viste sul Vieux Port in un ambiente più intimo. Il giovedì è la notte più popolare per le feste, ma i tramonti estivi (22:00) rendono ogni sera estiva un buon momento per festeggiare.

Esplora i Quartieri Nord. Il Quartiere Nord è dove la maggior parte delle persone ti dirà di non andare a causa della sua reputazione di criminalità, ma non lasciare che questo ti scoraggi dall'avventurarti nei quartieri settentrionali di Marsiglia. Sii consapevole dell'ambiente circostante come faresti in qualsiasi altra città. Con più di un terzo della popolazione della città, oltre a una ricca storia industriale e agricola, sede della meraviglia dell'ingegneria del XIX secolo, il canale di Marsiglia, vale la pena esplorare i quartieri settentrionali. Navigare nei Quartieri Nord può essere difficile, perché sono così vasti e poco serviti dai mezzi pubblici. La soluzione migliore è contattare Hôtel du Nord o Marseille Provence Greeters, cooperative di guide locali desiderose di condividere le loro conoscenze. Oppure visita il produttore di sapone, Serail, durante una delle loro visite in fabbrica del venerdì pomeriggio. Il centro d'arte di strada Cité des Arts de la Rue ospita un mercato agricolo e organizza visite alle cascate Cascade d'Aygalades la prima domenica di ogni mese.

Naviga o scala le Calanques. La versione dei fiordi norvegesi della Francia meridionale, le Calanques sono scogliere calcaree sconcertanti che si riversano nel mare. La maggior parte di questo parco nazionale di recente conio è accessibile solo in barca oa piedi, con molte escursioni chiuse da luglio a settembre durante la stagione degli incendi boschivi. Scegli la tua avventura nelle Calanques: prepara un picnic e prendi l'autobus 21 per Luminy per un'escursione di 45 minuti alla Calanque de Sugiton; prenota uno skipper locale che ti porti nelle loro baie turchesi preferite con l'AirBnb di barche, Click & Boat; oppure passeggia per un'ora al ristorante per famiglie della Calanque de Marseilleveyre, Chez les Belges, ma tieni presente che in questo tradizionale cabanon ("cabina") non c'è elettricità, quindi porta contanti.

La Calanque de Marseilleveyres, una di una serie di insenature rocciose a est di Marsiglia. Foto di: Guenet Stephane / Shutterstock

Prenditi il ​​tuo tempo. A Marsiglia, il le quart d'heure marseillais significa che "puntuale" è dietro di 15-30 minuti. Potrebbero verificarsi scioperi e ritardi nei trasporti pubblici. Goditi un ritmo tranquillo. Inoltre, tieni presente che molti negozi e ristoranti sono chiusi la domenica.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments