domenica, Ottobre 24, 2021
Home Senza categoria 3 consigli per prevenire la putrefazione del bulbo di Amaryllis

3 consigli per prevenire la putrefazione del bulbo di Amaryllis

Se pensi che i fiori di amarilli diano uno scintillio speciale alle vacanze, non sei solo!

La parola amaryllis in realtà deriva dal greco amarysso o "scintillare", e questo nome comune è certamente appropriato.

Ma cosa dovresti fare quando le tue piante non hanno la loro solita lucentezza e le tue piante invernali decorative mostrano invece segni di marciume, con corone mollicce o fogliame che crolla?

Ci colleghiamo ai fornitori per aiutarti a trovare i prodotti pertinenti. Se acquisti da uno dei nostri link, potremmo guadagnare una commissione.

Prima che il problema progredisca così lontano, sapere come individuare le indicazioni di problemi nei bulbi stessi – e fornire un'eccellente cura per le piante di Hippeastrum sin dall'inizio – può aiutare il tuo a evitare questo destino.

Sia che tu stia mirando a coltivare splendide piante da interno durante le festività natalizie o in un altro periodo dell'anno, questa guida ti aiuterà a prevenire la putrefazione dei bulbi di amarilli sia all'interno in contenitori che piantati all'aperto nel paesaggio nelle regioni più calde.

Ecco cosa tratteremo:

1. Ispezionare prima di piantare

Prima di tutto, assicurati di acquistare lampadine di alta qualità garantite senza malattie da venditori affidabili.

Ed evitare di piantare quelli che mostrano segni di danni, per evitare future delusioni e la potenziale diffusione di parassiti o malattie.

Se il tuo è già in vaso, rimuovi il materiale di imballaggio o il muschio spagnolo e dai un'occhiata al terreno.

Se è già troppo saturo, drena male o presenta altri potenziali problemi che non favoriscono la crescita di queste piante d'appartamento, potresti prendere in considerazione il rinvaso per fornire le migliori condizioni possibili.

Se il terreno sembra e si sente bene, dai un'occhiata alla parte superiore del bulbo che sta emergendo dal terreno. Sembra sano? È fermo? La crescita verde sta già emergendo?

Questi sono buoni segnali!

Ma se osservi porzioni scolorite o ammuffite, segni di infestazione da insetti, crescita che è emersa ma ingiallita o morta, o aree morbide e mollicce, questi sono segni che la tua pianta non è stata trattata correttamente nell'imballaggio o nella spedizione.

Sebbene possa essere potenzialmente salvato, non è un buon inizio. Si consiglia di contattare il venditore, se possibile. Altrimenti, non è colpa tua e potresti voler gettare questa pianta e ricominciare da capo.

Se acquisti lampadine senza vaso, queste sono le più facili da controllare per potenziali segni di problemi. Esaminali attentamente prima di piantarli e strizzali delicatamente per assicurarti che non ci siano punti molli.

Controlla che il colore sia uniforme e la consistenza soda. Queste sono indicazioni di una lampadina sana. Qualsiasi segno di danno fisico, muffa o infestazione da parassiti è un segnale d'allarme che il tuo bulbo è purtroppo un ottimo candidato per problemi di marciume.

Va bene se la pelle esterna è raggrinzita o marrone ruggine. Si gonfieranno una volta che li avrai piantati e dato loro da bere.

Evita di piantare quelli che sono ammaccati o che sono stati conservati in un luogo umido. Se sono molli o mostrano segni di marciume sin dall'inizio, è improbabile che se la caveranno bene per tutta la stagione.

La malattia della macchia rossa, causata dai funghi Stagonospora curtissi, può causare macchie rosse sulla pelle dei bulbi che si diffondono e portano alla putrefazione. Smaltire eventuali macchie che si estendono oltre la pelle.

La peronospora è un'altra malattia fungina che può causare la putrefazione del bulbo, ma i sintomi sono generalmente difficili da monitorare prima della semina o prima che sia emersa la crescita verde.

Causata dai funghi Sclerotium rolfsii, questa muffa bianca colpisce in condizioni di caldo e umido. Ma sfortunatamente, i bulbi raramente mostrano segni distinguibili di questa malattia.

È più probabile che tu possa osservare piante appassite o morenti, dopo che è già troppo tardi per salvarle. Puoi leggi di più su questa condizione qui.

L'infestazione da parassiti è un altro potenziale problema a cui prestare attenzione, poiché anche piccoli parassiti come acari e cocciniglie possono creare condizioni che portano alla putrefazione.

Quando questi parassiti infestano i bulbi di amarilli, penetrano nella copertura protettiva esterna di quelli in deposito, aprendo la strada agli agenti patogeni che possono causare un'infezione che alla fine porta alla putrefazione.

Controlla la presenza di cocciniglie cotonose. Sentire la consistenza è un'altra misura utile qui: mentre i piccoli parassiti possono passare inosservati, il danno che causano può essere osservato più facilmente come aree ammaccate o morbide.

Le mosche a bulbo del narciso (Merodon spp.) Possono anche essere un problema nei giardini e nei vivai. L'amarillide può fungere da ospite di questi parassiti nei giardini, un luogo preferito dalle mosche adulte per deporre le uova.

Si schiudono in vermi che banchettano con le scaglie esterne dei bulbi e poi si fanno strada all'interno.

L'esame di porzioni morbide o ammaccate è la soluzione migliore per verificare anche la presenza di questo parassita, e le lampadine potrebbero altrimenti sembrare non avere nulla di sbagliato in esse all'ispezione visiva dell'esterno.

Poiché la mosca del bulbo di narciso è un parassita difficile da controllare, questo è un altro motivo per smaltire i bulbi molli o marci nella spazzatura piuttosto che piantarli in vasi o in giardino.

2. Acqua con attenzione

Un altro dei motivi più comuni per cui i bulbi di amarilli soccombono al marciume è dovuto all'eccessiva idratazione.

Molti giardinieri d'appartamento desiderosi feriranno i bulbi delle loro vacanze con un po 'troppo amore. Spero che i miei consigli qui ti aiutino a evitare questa delusione.

Per quanto allettante possa essere nutrire i tuoi bulbi insieme ad annaffiature costanti, dovresti evitare di innaffiare troppo quelli appena piantati a tutti i costi.

Quando pianti un bulbo di amarilli o ricevi una pianta in vaso, innaffiala solo una volta con acqua a temperatura ambiente, bagnando completamente il terriccio.

Quindi lascialo da solo finché non vedi una crescita verde.

Veramente. Lascia stare, completamente. Nella maggior parte delle condizioni, questo è tutto ciò di cui avrà bisogno per iniziare.

Un luogo caldo è il migliore e puoi spostarlo in un luogo soleggiato dopo l'emergere del fogliame. Per ulteriori informazioni sulla coltivazione di queste piante, vedere il nostro guida alla coltivazione di amarilli al chiuso.

Dopo che la crescita verde è emersa, innaffia solo dopo aver controllato e determinato che la parte superiore di diversi centimetri del mezzo di impregnazione si è asciugata, non prima.

Ho scoperto che in genere questi non richiedono annaffiature con la stessa frequenza di molte delle mie altre piante d'appartamento e vuoi essere sicuro di monitorare la pianta e le condizioni del suolo piuttosto che annaffiare secondo un programma prestabilito.

Non vuoi nemmeno che il mezzo di impregnazione si asciughi completamente, ma la saturazione è davvero il nemico qui, e le lampadine possono marcire facilmente se sono troppo bagnate.

All'esterno, in genere non richiedono acqua in inverno quando sono dormienti e spesso torneranno a fiorire in primavera. Seguire le istruzioni per l'irrigazione in la nostra guida alla coltivazione di amarilli all'aperto.

Assicurati di rimuovere e smaltire l'acqua che si è raccolta nel sottovaso sotto la tua pianta, se ne hai uno per catturare ciò che esce dai fori di drenaggio.

Se hai la sfortuna di annaffiare eccessivamente e questo si traduce in un bulbo morbido e soffice che ha iniziato a mostrare segni di marciume sulla corona, potresti essere in grado di salvarlo scavandolo e rimuovendo con cura le parti marce, o trattandolo con un fungicida sistemico.

Ma per le piante d'appartamento coltivate come annuali, la prevenzione è davvero fondamentale.

3. Valutare le condizioni esterne

Se pianti il ​​tuo amarilli in un luogo ombreggiato o in uno che non drena bene, stai cercando guai. Come con la maggior parte dei bulbi da fiore, le condizioni di pieno sole sono le migliori, in un luogo con flusso d'aria e drenaggio adeguati.

Le piante di Amaryllis del genere Hippeastrum sono adatte alla coltivazione all'aperto tutto l'anno Zone di resistenza USDA 11-12, ma non riusciranno a prosperare nei climi più freddi.

Piantare al di fuori della gamma adatta di aree di giardinaggio può portare a marciume a causa del freddo o delle temperature calde e fredde fluttuanti, danni da gelo e precipitazioni eccessive.

Innaffia troppo frequentemente, innaffia durante la dormienza o in eccesso in altri periodi dell'anno e saranno particolarmente suscettibili alle infezioni fungine e alle infestazioni di parassiti all'aperto.

Prevenire la putrefazione fornendo le condizioni di cui hanno bisogno per prosperare, d'altra parte, e possono fornire anni di divertimento con le loro bellissime fioriture.

Piante felici e sane per le vacanze e oltre

I bulbi di amarilli ben curati possono continuare a crescere come piante perenni in condizioni ideali, fino a 75 anni.

Anche se il tuo potrebbe non essere da record, con la dovuta cura dovresti essere in grado di convincere il tuo a fiorire magnificamente senza paura di marcire.

Anche se non c'è molto che puoi fare per prevenire la peronospora del sud e qualsiasi tipo di infestazione da parassiti introdotta nel vivaio è fuori dalle tue mani, la causa più comune di marciume può essere evitata semplicemente – annaffiando con cura!

Hai avuto problemi con i bulbi di amarilli in decomposizione o hai convinto i tuoi a sbocciare come parte dell'arredamento delle tue vacanze? Per favore condividi le tue storie (e foto!) Nei commenti qui sotto e non esitare a contattarci se hai domande per le quali possiamo aiutarti.

Per ulteriori suggerimenti su come diventare bella fiori di amarilli, leggi queste guide dopo:

© Chiedi agli esperti, LLC. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Vedi i nostri TOS per maggiori dettagli. Foto non accreditate: Shutterstock. Con la scrittura e il montaggio aggiuntivi di Allison Sidhu.

A proposito di Helga George, PhD

Una delle più grandi gioie dell'infanzia di Helga George è stata la lettura di piante rare e da serra che non sarebbero cresciute in Delaware. Ora che vive vicino a Santa Barbara, in California, è felicissima che molti di questi crescano proprio fuori! Affascinata dalla scoperta infantile che le piante producono sostanze chimiche per difendersi, Helga ha intrapreso ulteriori studi accademici e ha ottenuto due lauree, studiando le malattie delle piante come specialista in patologia vegetale. Ha conseguito un BS in agricoltura presso la Cornell University e un MS presso l'Università del Massachusetts Amherst. Helga è poi tornata a Cornell per ottenere un dottorato di ricerca, studiando uno dei sistemi modello di difesa delle piante. È passata alla scrittura a tempo pieno nel 2009.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI