lunedì, Novembre 29, 2021
Home Senza categoria Come identificare e controllare gli insetti di scala

Come identificare e controllare gli insetti di scala

La scala è un termine generico usato per identificare quasi 8.000 varietà di specie di insetti succhiatori senza ali nell'ordine Hemiptera.

Uno dei parassiti del giardino più comuni, questi minuscoli organismi si nutrono di corteccia, frutta e foglie di alberi e arbusti perenni usando le loro minuscole parti della bocca simili a paglia.

Specie diverse succhiano fluidi diversi dalla pianta, determinando infine il lento esaurimento dei nutrienti vitali della pianta.

Le piante infestate in genere appaiono stressate dall'acqua, con foglie ingiallite e caduta prematura delle foglie. Le parti di piante che rimangono pesantemente infestate alla fine possono morire.

Ci colleghiamo ai fornitori per aiutarti a trovare prodotti pertinenti. Se acquisti da uno dei nostri link, potremmo guadagnare una commissione.

Alcune specie producono melata appiccicosa e dolce che può ulteriormente portare a muffe fuligginose e infestazioni di formiche, causando ulteriori danni nel giardino.

Tuttavia, per non indurre troppa paura, la presenza di solo alcuni di questi insetti non minaccerà la salute generale delle piante e anche grandi popolazioni di alcune specie non danneggiano affatto i loro ospiti vegetali.

Ad esempio, il basilico blu africano (Ocimum kilimandscharicum x basilicum 'Dark Opal') è abbastanza resistente di fronte a un'infestazione su scala morbida.

Generalmente, le popolazioni di scala sono tenute sotto controllo da predatori e parassiti benefici.

Tuttavia, quando l'ordine naturale viene sbilanciato, forse interrotto da formiche, polvere o dall'applicazione persistente di insetticidi, potrebbe essere necessario un intervento aggiuntivo.

La corretta identificazione della famiglia della scala informa il controllo appropriato e il potenziale trattamento.

Le famiglie più comuni includono scaglie corazzate e morbide, che possono apparire su una miriade di specie di piante. Altri includono quelli trovati su varie specie di cactus, conifere, olmi, querce e sicomori.

Identificazione

Sebbene ci siano migliaia di specie di cocciniglie, con circa 1.000 che si verificano negli Stati Uniti, i cicli di vita e la distinzione tra i sessi sono abbastanza coerenti tra le specie.

Le femmine adulte e le ninfe immature della maggior parte delle specie appaiono arrotondate e prive di ali e mancano di parti del corpo distinte. Le popolazioni dense creano l'aspetto di squame rettiliane sulle piante infestate, da cui il nome comune.

I maschi adulti in genere differiscono per forma, dimensione e colore rispetto alle loro controparti femminili. Si vedono raramente ma sono piccoli insetti giallo-bianchi con un paio di ali e un paio di lunghe antenne.

Alcune specie mancano addirittura di maschi, nel qual caso le femmine si riproducono asessualmente.

Foto di Allison Sidhu.

Quelli della famiglia delle squame morbide (Coccidae) e varie specie di altre famiglie tra cui il cuscino cotonoso (Icerya purchasi) e l'olmo europeo (Eriococcus spurius), succhiano la linfa del floema delle piante, che contiene molto zucchero. Questi insetti di conseguenza espellono una melata appiccicosa, altamente desiderabile dalle popolazioni di formiche.

Al contrario, le specie delle famiglie delle scaglie corazzate (Diaspididae) e pit (Asterolecaniidae) succhiano le cellule del parenchima del loro ospite, che non contengono altrettanto liquido, e quindi non secernono lo stesso residuo gustoso.

corazzato

Le specie della famiglia dei Diaspididi, o scaglie corazzate, appaiono quasi come minuscoli cirripedi all'esterno delle piante infestate.

Man mano che le ninfe maturano, sviluppano una copertura protettiva appiattita con un diametro inferiore a 1/8 di pollice.

I corpi degli insetti risiedono sotto questa armatura placcata. Se rimuovi la copertura, il corpo dell'insetto rimarrà vivo, anche se non protetto, sulla pianta.

Le scaglie corazzate non producono melata.

Le specie di questa famiglia includono cicadee (Aulacaspis yasumatsui), euonymus (Unapsis euonymi), guscio di ostrica (Lepidosaphes ulmi) e squame di San Jose (Quadraspidiotus perniciosus).

Morbido

Le squame molli, specie della famiglia dei Coccidi, sono generalmente più grandi, arrotondate e gobbe rispetto ai tipi corazzati. Crescono fino a 1/4 di pollice di lunghezza e hanno una superficie liscia, cotonosa o cerosa.

A differenza dei tipi corazzati, le bilance morbide non hanno una copertura protettiva. Se ne giri uno, questo rimuoverà completamente l'insetto dalla pianta.

Le squame morbide si nutrono del floema delle piante ed espellono la melata appiccicosa.

Questa secrezione appiccicosa non solo gocciola sulle piante e sul terreno, favorendo la crescita di fuliggine nera, ma attira anche popolazioni di formiche, che si nutrono della melata.

Le squame morbide includono la scaglia nera (Saissetia oleae), marrone (Coccus hesperidum), kuno (Eulecanium kunoense), lecanium (Parthenolecanium corni) e tuliptree (Toumeyella liriodendri).

Ciclo vitale

Questi insetti si schiudono dalle uova durante la primavera e l'estate. Di solito maturano attraverso due stadi ninfali, o fasi di crescita, prima di raggiungere l'età adulta.

Alcune specie cambiano in modo significativo nell'aspetto mentre attraversano questi stadi, quindi molti tipi di squame sembrano effettivamente svilupparsi attraverso più di due fasi di crescita.

Le femmine adulte in genere depongono le uova che vengono poi nascoste sotto i loro corpi fino alla schiusa, anche se in alcune specie le uova si schiudono all'interno del corpo della femmina ed emergono come giovani vivi.

A seconda della specie, le femmine possono deporre da 50 a 2.000 uova!

Una volta che le uova si schiudono, di solito entro una o tre settimane, emergono minuscoli crawler giallo-arancio. Queste sono le ninfe di primo stadio.

I cingoli camminano sulla superficie della pianta o vengono trasportati su altre piante dal vento, dalle persone o dagli uccelli. Uno o due giorni dopo la schiusa, i crawler si sistemeranno e inizieranno a nutrirsi. Inizia così lo stadio ninfale di secondo stadio.

Le ninfe insediate possono risiedere nello stesso punto per tutta l'età adulta, oppure possono muoversi lentamente.

Ad esempio, i tipi morbidi che si nutrono di ospiti decidui si spostano dal fogliame della pianta alla corteccia in autunno, prima che le foglie della pianta cadano.

corazzato

La maggior parte delle specie di scaglie corazzate ha diverse generazioni ogni anno.

Svernano tipicamente come ninfe di primo stadio o femmine adulte e trascorrono l'intera vita nello stesso punto di alimentazione della pianta.

Morbido

La maggior parte delle specie di squame molli ha una generazione all'anno.

Generalmente svernano come ninfe di secondo stadio. La maggior parte delle squame molli immature conservano le loro minuscole appendici e antenne dopo essersi depositate e sono in grado di muoversi, anche se lentamente.

La scala morbida marrone, tuttavia, è un'eccezione. Ha più generazioni all'anno e sia le femmine che le ninfe possono essere presenti durante le stagioni.

Metodi di controllo biologico

Le popolazioni di parassiti sono generalmente tenute sotto controllo da predatori e parassiti benefici.

Monitorare regolarmente lo stato dell'infestazione per osservare il controllo naturale della popolazione.

Detto questo, si verificano interruzioni dell'ordine naturale delle cose. Se questo è il caso, puoi integrare varie tecniche di gestione dei parassiti per impostare le tue piante per il successo.

Culturale

Garantire una salute ottimale delle piante è fondamentale se vuoi che le tue piante sopravvivano a un'infestazione su vasta scala.

Durante la semina e la coltivazione, assicurati che la tua pianta riceva un'adeguata esposizione alla luce solare e l'irrigazione.

Piccole infestazioni isolate possono essere facilmente controllate con potature selettive. Taglia ramoscelli e rami fortemente infestati e rimuovili dal sito per lo smaltimento.

Nelle aree con estati calde, la potatura per aprire i baldacchini può ridurre le popolazioni di alcune specie attraverso l'esposizione al calore e ai parassiti.

Per le piante che si rivelano obiettivi di scala eccezionale, potresti prendere in considerazione la rimozione e la sostituzione della piantagione.

Fisico

Per le infestazioni leggere, la rimozione meccanica può essere la migliore opzione di controllo. Usando un coltello da burro, raschia delicatamente ogni cocciniglia che vedi.

Un altro metodo di controllo disponibile è uno spruzzo duro con il tubo.

Con queste tecniche bisogna essere diligenti nel rimuovere tutti gli insetti dalla pianta; in caso contrario, l'infestazione persisterà.

Monitora la pianta nel corso delle prossime settimane e continua la rimozione fino a quando l'infestazione non è stata completamente controllata.

Biologico

Insetti benefici, come le vespe parassite e alcuni coleotteri, lacewings e acari, sono i migliori amici di un giardiniere di fronte alle infestazioni di squame.

I generi di vespe parassite, tra cui Aphytis, Coccophagus, Encarsia e Metaphycus, sono i nemici naturali più comuni della scala.

Questi parassitoidi depongono le uova sotto gli insetti. Dopo la schiusa di un uovo di vespa, la larva che emerge divora l'insetto ed esce attraverso un piccolo foro al centro del corpo della squama.

Puoi capire quando un insetto è stato parassitato in base alla presenza di questo foro di uscita. Inoltre, l'insetto non rilascerà alcun fluido quando viene schiacciato.

Pesticidi organici

Un passo oltre la rimozione meccanica, un batuffolo di cotone imbevuto di alcol denaturato potrebbe essere tutto ciò di cui hai bisogno per controllare una leggera infestazione. L'alcol dissolverà il rivestimento protettivo ceroso, lasciando l'insetto esposto e vulnerabile.

Foto di Allison Sidhu.

Strofina un batuffolo di cotone imbevuto sulla superficie della pianta infestata, assicurandoti di entrare in contatto con ogni singolo organismo.

In alternativa, per affrontare infestazioni più gravi, puoi preparare una soluzione di una tazza di alcol isopropilico mescolata con un litro d'acqua e un cucchiaio di sapone organico liquido, come quello del Dr. Bronner.

Combina in un flacone spray per creare un trattamento antiparassitario fatto in casa. Usando l'impostazione piatta sull'ugello del tubo, prima dai alla pianta uno spruzzo forte, eliminando il maggior numero possibile di insetti.

Quindi applicare la miscela pesantemente, assicurandosi di spruzzare la superficie e la parte inferiore delle foglie.

Ripetere le applicazioni ogni pochi giorni fino alla scomparsa dell'infestazione.

Questa pratica non solo può uccidere i parassiti, ma aiuta anche a lavare via l'eventuale melata presente, prevenendo così l'insorgenza di muffe fuligginose.

L'uso di insetticidi dovrebbe essere l'ultima risorsa. Molti possono portare a conseguenze ecologiche indesiderate, quindi l'uso di pesticidi organici a bassa tossicità – come olio per l'orticoltura, sapone insetticida, olio di neem e olio di colza – è raccomandato e può rivelarsi efficace.

Queste applicazioni hanno tipicamente un basso impatto sulle popolazioni di predatori naturali e impollinatori.

Prima di applicare, dai un'occhiata alla tua pianta per vedere quanta parte della popolazione è ancora attiva e per valutare l'entità del parassitismo. Evita di spruzzare se la maggior parte dei parassiti è già parassitata o inattiva.

Il momento ottimale per applicare gli spray fogliari è durante la fase di vita del crawler. Poiché le forme adulte sono ricoperte da una sostanza protettiva cerosa, la maggior parte degli oli si rivelerà inefficace se applicata in questa fase.

Cerca di cronometrare l'applicazione quando la pianta non è in fiore, per evitare un impatto negativo sulle popolazioni di impollinatori.

Assicurati di leggere l'etichetta sul prodotto selezionato per verificare se l'olio è adatto alla tua specie di pianta. Alcuni oli non devono essere spruzzati su determinate specie o mescolati con altri prodotti.

Con gli oli spruzzati a contatto, gli insetti vengono soffocati piuttosto che essere uccisi da un materiale tossico.

Gli oli sono efficaci anche contro afidi, mosche bianche, e acari di ragno, tuttavia sono meno dannosi di altri insetticidi per gli insetti predatori benefici.

Gli oli per l'orticoltura sono spesso chiamati oli a gamma stretta, superiori o supremi e sono prodotti petroliferi appositamente raffinati.

Gli spruzzi d'olio sono usati al meglio quando la temperatura è mite, tra 45 e 85 ° F, almeno 24 ore prima della pioggia.

Inoltre, non dovrebbero essere applicati a piante sotto stress. Se la siccità è un problema, dai alla tua pianta una bevanda salutare alcuni giorni prima dell'applicazione dell'olio.

Spruzza a fondo la pianta interessata con l'applicazione che preferisci, assicurandoti di raggiungere la parte inferiore delle foglie e le parti terminali della pianta.

Potrebbe essere necessario applicarlo più di una volta, a seconda delle dimensioni e della diffusione della popolazione.

Controllo dei pesticidi chimici

Molte forme di controllo chimico possono portare a conseguenze indesiderate, come la contaminazione dell'acqua o l'avvelenamento di predatori e impollinatori benefici, e possono potenzialmente portare a focolai di ulteriori parassiti.

Un'attenta ricerca delle specie di scala può aiutare nella selezione dei controlli chimici.

Sistemico

Un'altra opzione per il controllo è l'uso di insetticidi sistemici. Questi insetticidi vengono spruzzati su una parte della pianta, solitamente i tronchi o le radici, e vengono trasferiti internamente alle foglie e ad altre parti della pianta.

Gli insetticidi sistemici forniscono un'opzione per il controllo quando le temperature limitano l'uso di uno spray oleoso.

La pianta assorbe l'insetticida nel suo tessuto, che quindi gli consente di entrare nel sistema circolatorio della pianta e nella linfa. Quando gli insetti si nutrono della linfa, ingeriscono l'insetticida tossico e vengono uccisi.

Gli insetticidi sistemici contro le incrostazioni più comunemente usati includono acephate, dinotefuran e imidacloprid.

La corretta identificazione di quale specie hai a che fare informa il trattamento appropriato.

Ad esempio, alcuni insetticidi, come l'imidacloprid, possono controllare efficacemente le squame molli e altri tipi, ma non sono efficaci nel controllare le squame corazzate o cotonose. Dinotefuran, tuttavia, controlla la maggior parte dei tipi.

Un'attenta ricerca sui particolari dell'infestazione da scaglie aiuterà nella gestione.

Non applicare insetticidi sistemici alle piante durante la loro stagione di fioritura. La sistemica può traslocare in fiori, influenzando negativamente i nemici naturali e gli impollinatori che sono attratti dal nettare e dal polline della pianta.

Leggere e seguire sempre attentamente le indicazioni sull'etichetta quando si utilizza qualsiasi pesticida.

Sistemi sotto controllo

Non tutte le varietà di scala sono viste come parassiti del giardino.

Ad esempio, la cocciniglia, che si trova comunemente sui fichi d'India, è in realtà ricercata dall'industria dei coloranti per la sua produzione di acido carminico e recentemente ha visto una ripresa della coltivazione.

Il colorante carminio è derivato dalle secrezioni acide dell'insetto ed è comunemente usato come colorante rosso per prodotti alimentari, rossetti e tessuti.

Ci sono molti approcci disponibili per affrontare i parassiti nel giardino. In uno scenario ideale, le infestazioni di parassiti sono tenute sotto controllo dai loro nemici naturali.

Tuttavia, le popolazioni di organismi migrano e si evolvono a un ritmo molto rapido e le infestazioni possono richiedere l'intervento di un giardiniere per la sopravvivenza delle piante.

Una parte piccola ma vitale nel più grande sistema ecologico, i giardinieri svolgono un ruolo importante nel tenere sotto controllo questi sistemi naturali.

Fateci sapere nella sezione commenti se avete domande o ulteriori consigli su come gestire la bilancia!

E per maggiori informazioni su gestione dei parassiti in giardino, assicurati di dare un'occhiata a questi articoli dopo:

© Chiedi agli esperti, LLC. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Consulta i nostri TOS per maggiori dettagli. Foto dei prodotti tramite Arrico Organics. Foto non accreditate: Shutterstock.

A proposito di Eleanor Wells

Un trapianto da Jackson, Mississippi, Eleanor Wells è attualmente radicato a Los Angeles, in California. Quasi tutti i giorni puoi trovare Eleanor che si crogiola al sole, con la terra striata sul viso, come il vero girasole che è. Ama passare il tempo in giardino, fare escursioni con lo zaino e fare surf con gli amici. Eleanor si è trasferita a ovest per frequentare l'Occidental College, dove ha studiato politica urbana e ambientale e letteratura spagnola. Da quando ha terminato la scuola e ha camminato lungo il Pacific Crest Trail, ha dedicato la sua attenzione al lavoro pratico con la terra. Si concentra sulle comunità vegetali autoctone, sulla salute del suolo, sulla medicina erboristica e sulle pratiche agricole intraprendenti.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI