giovedì, Ottobre 21, 2021
Home Senza categoria Come identificare e gestire i parassiti comuni del cavolfiore

Come identificare e gestire i parassiti comuni del cavolfiore

Come se fosse parenti brassica, cavolfiore, Brassica oleracea var. botrytis, è soggetta a parassiti che rappresentano una minaccia per il successo della coltivazione.

E oltre ai danni che i parassiti possono arrecare allo sviluppo di teste, fogliame e radici, possono anche essere vettori, o portatori, di malattie delle piante che possono essere dannose in misura ancora maggiore.

Ci colleghiamo ai fornitori per aiutarti a trovare prodotti pertinenti. Se acquisti da uno dei nostri link, potremmo guadagnare una commissione.

Nel nostro guida alla coltivazione del cavolfiore, discutiamo di tutto ciò che devi sapere per coltivare e prenderti cura delle tue piante.

In questo articolo, introduciamo nove parassiti comuni del cavolfiore che imparerai a riconoscere e gestire.

Ecco la scaletta:

Entriamo subito!

1. Afidi

L'afide del cavolo, Brevicoryne brassicae, è un minuscolo insetto succhiatore di linfa che si nutre di foglie e teste.

Può diffondere diversi tipi di malattie, compreso il virus del mosaico del cavolfiore, e lascia una scia di melata che favorisce la crescita di un fungo che causa la muffa fuligginosa.

Le uova vengono deposte sulla parte inferiore delle foglie e sono così piccole che potresti non vederle mai. I ciuffi rivelatori di afidi impilati, tuttavia, sono visibili come una macchia giallastra.

Inizia provando a risciacquarli con un getto costante e deciso di acqua dal tubo.

Se questo si rivela inefficace, utilizzare un prodotto come l'olio di neem, un insetticida naturale e un fungicida. Suo disponibile da Arrico Organics in una varietà di dimensioni.

Bonide Olio di Neem

L'olio di neem è biologico e derivato dai semi di neem. Oltre ad essere un insetticida ideale per molti parassiti, è un fungicida efficace, privo di sostanze chimiche e non tossico per le persone e gli animali domestici.

Leggi di più sulla gestione degli afidi qui.

2. Looper di cavolo cappuccio

Trichoplusia ni è un mangiatore di foglie che può masticare un raccolto fino a ridurlo a nulla in pochissimo tempo.

Questo bruco è inconfondibile, con la sua caratteristica andatura simile a un verme, il corpo verde e la striscia bianca. Gli adulti sono falene marroni con un segno distintivo a forma di otto in argento.

Piccole uova bianco-giallastre vengono deposte sulla pagina inferiore delle foglie.

I looper di cavolo fanno il loro peggior danno alle piante mature, strappando le foglie e direttamente nei capolini.

Un trattamento con biologico Bacillus thuringiensis, o Bt, è consigliato.

Non danneggerà gli insetti utili come la mosca tachinide, che si nutre di diversi parassiti di bruco ed è prontamente disponibile con numerosi marchi.

Bonide Turicida

Trova Bonide Turicida di Arrico Organics in confezioni da un quarto, un gallone, otto once e 16 once.

Oppure, puoi provare un rimedio casalingo di Sharon Lovejoy, orticoltrice e autrice di "Trowel & Error" (guardalo su Amazon), una raccolta di consigli di giardinaggio.

Consiglia di cospargere le piante di farina bianca (non autolievitante) la mattina presto. La rugiada più la farina equivalgono agli insetti pietrificati che possono essere risciacquati il ​​giorno successivo.

Scopri di più sul controllo del cavolo cappuccio qui.

3. Falene del cavolo

Per gli esperti del Estensione agricola della Michigan State University, la falena del cavolo, alias la falena del diamante, Plutella xylostella, è uno degli insetti più distruttivi quando si tratta di colture di brassica.

Una giovane larva di falena del cavolo giallo trasparente.

Le larve immature sono di colore giallo trasparente, ma subiscono cambiamenti di colore man mano che maturano e possono essere a strisce verdi/gialle, marroni o nere.

Gli adulti sono facilmente identificabili da un diamante bianco sulle loro ali marroni piegate.

Sia le larve che gli adulti sono mangiatori famelici che decimano intere piante. Se noti la falena, cerca le uova da gialle a verdi nella parte inferiore delle foglie.

Questo è un insetto difficile da affrontare, poiché ha sviluppato una resistenza ad alcuni pesticidi. I predatori naturali includono la vespa parassita, un insetto benefico.

Puoi trattare con olio di neem o Bt, ma potresti trovarli inefficaci.

Puoi anche provare una pratica chiamata "ritaglio di trappole", come raccomandato dal T. Jude Boucher, coordinatore IPM colture orticole presso l'Università del Connecticut.

Si tratta di piantare una barriera di un'altra pianta che il parassita ama intorno alla tua brassica. In questo caso, cavolo verde sono raccomandati.

L'idea è che queste falene mastichino i cavoli a pezzi prima di attaccare il tuo cavolfiore. Scenario migliore: puoi goderti entrambi i raccolti al momento del raccolto.

4. Vermi di radice di cavolo

Questa larva della radice, Delia radicum, è la larva della mosca della radice del cavolo.

Questa minuscola mosca marrone depone minuscole uova da 1/8 di pollice che contengono larve bianche o vermi. Quando si schiudono, i vermi si nutrono delle radici delle colture di brassica.

Se vedi un numero eccessivo di piccole mosche intorno alle tue colture, applica farina fossile al terreno sopra le radici per scoraggiare la deposizione delle uova.

E se le tue piante mostrano segni di angoscia, scava, esamina le radici e scarta le piante infestate.

In alternativa, puoi prova un'applicazione di nematodi, Steinernema feltiae, che sono vermi microscopici che attaccano i parassiti del suolo.

NemAttack Sf Nematodi benefici

Trova i nematodi benefici di NemAttack Sf di Arrico Organics in confezioni contenenti cinque, 10, 50, 250 o 500 milioni.

C'è qualcos'altro che potresti voler provare: un collare. Questo è un cerchio di feltro, cartone o un materiale simile che gira intorno a una pianta a livello del suolo per impedire alle mosche di deporre le uova vicino alle radici.

Trovalo nei centri di giardinaggio o crealo tu stesso.

5. Farfalle bianche di cavolo cappuccio

Pieris rapae depone le uova gialle sulla pagina inferiore delle foglie di brassica. Contengono larve, o bruchi, che nascono con un vorace appetito.

Chiamati anche vermi di cavolo o vermi verdi, questi bruchi divorano le foglie e perforano le teste, rovinando interi raccolti.

6. Mosche bianche del cavolo

Un altro parassita che potresti vedere è la mosca bianca del cavolo, Aleyrodes proletella.

Questa minuscola mosca bianca e le sue giovani ninfe squamose infestano la parte inferiore delle foglie, nutrendosi della linfa delle foglie ed espellendo la "melata" che favorisce la crescita di muffe fuligginose.

Ma mentre questo tipo di mosca bianca sfigura le foglie di una pianta, non danneggia le teste, quindi molti coltivatori semplicemente lo sopportano.

Esperti al Royal Horticultural Society sono dell'opinione che, a meno che un'infestazione non sia grave, probabilmente non è necessario affrontarla con pesticidi.

Tuttavia, se segui questa strada, sappi che il trattamento della parte inferiore delle foglie è una soluzione temporanea e le istruzioni del prodotto devono essere seguite diligentemente con riferimento alla selezione di quella giusta per il raccolto giusto, nonché a intervalli di raccolta sicuri per l'applicazione.

Un approccio organico per sradicare le mosche bianche include l'introduzione di un insetto benefico nell'orto, vale a dire le merletti, Chrysoperla rufilabris.

Lacewings adulti

Trova ora lacewings di Arrico Organics in confezioni contenenti 100, 250 o 500 adulti pre-nutriti.

I lacewing adulti si nutrono di mosche bianche e bruchi, il che li rende una preziosa aggiunta al giardino. Vivono da quattro a sei settimane.

Leggi di più sulla gestione delle mosche bianche qui.

7. Vermi di cavolo a strisce incrociate

Per i professionisti del Università del Massachusetts, Centro Amherst per l'agricoltura, l'alimentazione e l'ambiente, il verme del cavolo a strisce incrociate, Evergestis rimosalis, è facilmente distinguibile dagli altri parassiti delle brassiche allo stadio di uovo.

Questo perché è l'unica specie a deporre le uova in grappoli che sembrano chiazze gialle piatte sulla parte inferiore del fogliame.

La larva, o bruco, è grigio-blu con strisce nere sopra e verde solido sotto.

Si nutre di foglie e si fa strada nelle teste prima di maturare nella falena marrone con ali inferiori traslucide che potresti notare svolazzare intorno alle tue piante.

Puoi raccogliere a mano i bruchi quando li vedi, oppure puoi essere proattivo con un controllo biologico.

Una linea d'azione efficace è l'uso di parassiti delle uova di falena, Trichogramma brassicae. Queste sono vespe parassite che si nutrono delle uova prima che si schiudano.

Questo approccio funziona meglio nelle regioni più fresche. Implica un processo di rilascio dei predatori ogni settimana circa dopo la prima comparsa delle falene, in modo che siano sul posto quando vengono deposte le uova.

Piccoli e non pungenti, questi insetti benefici vivono per circa due settimane.

Parassiti delle uova di falena

Le vespe acquistate vengono spedite nella fase dell'uovo, allegate alle carte. Li appendi vicino alle piante di cavolfiore, al riparo dalla luce solare diretta, dove sono attive le falene. Quando si schiudono, le vespe cercano la loro preda.

I parassiti delle uova di falena sono disponibile da Arrico Organics in confezioni contenenti tre schede, sei schede e una scheda da 30 schede.

Fare attenzione a non toccare le fragili uova quando si posizionano le carte.

Puoi anche trattare un focolaio con un'applicazione di Bt o piretrina, i pesticidi organici descritti in precedenza.

E puoi anche attirare le vespe parassite nel giardino con fiori ad ombrella che hanno le teste appiattite ricoperte di minuscoli boccioli.

Leggi qui le piante da compagnia di cavolfiore adatte.

8. Coleotteri delle pulci

Lo scarabeo delle pulci crocifere, Phyllotreta cruciferae, e lo scarabeo delle pulci striato, Phyllotreta striolata, masticano le foglie delle brassiche, ma generalmente fanno tagli poco profondi che non perforano completamente le foglie.

Puoi riconoscerli in particolare dalle loro zampe posteriori extra-grandi che consentono loro di saltare come pulci.

Uno spray fogliare piretroide è il trattamento chimico consigliato. Questo è un composto sintetico da non confondere con la piretrina naturale, che ha una derivazione botanica.

Non è disponibile alcun prodotto biologico per il trattamento degli scarabei delle pulci. Tuttavia, l'uso di coperture per file galleggianti, o piantare intorno al ciclo di vita dei coleotteri, può essere utile.

Puoi anche provare a ritagliare trappole come prima linea di difesa con uno scarabeo delle pulci preferito, mostarda.

Leggi di più su come sconfiggere gli scarabei delle pulci qui.

9. Lumache e lumache

Se vedi tracce viscide e buchi irregolari con margini lisci, hai senza dubbio i gasteropodi carnosi comunemente noti come lumache e lumache nel tuo orto.

Dalle loro case nel profondo del terreno, dove vivono e depongono le uova, emergono questi parassiti che si nutrono di notte.

Sono più attivi quando il tempo è nuvoloso, fresco e umido, preferendo luoghi ombreggiati e condizioni di sovraffollamento.

I rimedi suggeriti variano. Molti comportano l'attrazione dei gasteropodi in contenitori dai quali non possono fuggire, come la lumaca lumaca e la trappola per lumache.

Lumaca Trappola per lumache e lumache

Trova la lumaca e la trappola per lumache di Arrico Organics.

Scegli tra una singola trappola con una fornitura di esche per un mese; due trappole con quattro esche di due mesi; una ricarica di esca di due mesi e un pacchetto di cinque ricariche di esca di due mesi. Sono sicuri per l'uso vicino a persone e animali domestici.

Altri trattamenti includono prodotti contenenti fosfato di ferro. Non sono tossici per le persone e gli animali domestici e fanno sì che lumache e lumache perdano la loro capacità di nutrirsi.

Bonide Slug Magic

Questo prodotto è in forma granulare e viene spruzzato sul terreno intorno alle piante colpite.

Trova Bonide Slug Magic di Arrico Organics in contenitori da un chilo.

Ricorda di non esagerare con l'acqua. Come affermato nella nostra guida alla coltivazione, in genere sono sufficienti da uno a due pollici di acqua a settimana in assenza di pioggia.

Scopri di più sul controllo delle lumache e delle lumache qui.

Dove c'è una volontà…

Con una comprensione di questi comuni parassiti del cavolfiore, puoi stare un passo avanti a loro in giardino e sarai sulla buona strada per produrre un raccolto di successo.

Osserva i segni della loro presenza, come le uova sotto le foglie; bruchi; mosche volanti, falene brunastre e piccole farfalle bianche; così come foglie e teste masticate.

E ricorda, i parassiti possono anche servire come fonte di malattia. Dai un'occhiata al nostro guida alle comuni malattie del cavolfiore per saperne di più.

Accidenti!

Se l'idea di dover controllare e gestire i parassiti ti sta davvero spegnendo quando si tratta di orticoltura, aspetta!

Prima di posare quella pala, c'è un altro modo.

Posizionando le coperture galleggianti delle file che abbiamo menzionato sopra le colture dall'inizio, puoi ridurre notevolmente il potenziale di danni agli insetti. Sono anche utili quando la temperatura subisce un improvviso calo o picchi al di sopra dei valori massimi normali.

Inoltre, potresti voler fare letto rialzato o giardinaggio in vaso per ridurre al minimo il rischio di infestazione da insetti terricoli.

Dove c'è una volontà, c'è un modo, e quando raccoglierai quel primo raccolto, i tuoi sforzi saranno deliziosamente ricompensati.

Hai avuto a che fare con i parassiti del cavolfiore? Per favore condividi la tua esperienza con noi nella sezione commenti qui sotto.

Se hai trovato questo articolo informativo, ti consigliamo di leggere quanto segue guide di cavolfiore prossimo:

© Chiedi agli esperti, LLC. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Consulta i nostri TOS per maggiori dettagli. Foto dei prodotti tramite Arrico Organics. Foto non accreditate: Shutterstock.

A proposito di Nan Schiller

Nan Schiller è una scrittrice con profonde radici nel suolo della Pennsylvania sudorientale. Il suo background include design paesaggistico e floreale, una laurea in economia presso l'Università di Villanova e un certificato di merito in design floreale di Longwood Gardens. Sostenitrice del giardinaggio biologico con piante autoctone, ha sempre lo sporco sotto le unghie e le lentiggini sul naso. Con arguzia e, si spera, un po' di saggezza, condivide ciò che ha imparato ed è sempre pronta a scavare in un nuovo progetto!

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI